top of page

NO PLASTICA, SI SALUTE, SI AMBIENTE

Aggiornamento: 7 nov 2023

Studi su animali confermano inquietanti sospetti: le microplastiche si accumulano in ogni organo del corpo, cervello compreso. Solo tre settimane di consumo di acqua con presenza di basse quantità di microplastiche sospese può generare un loro accumulo all'interno dell'organismo che si accompagna a cambiamenti comportamentali simili alla demenza e a cambiamenti nel sistema immunitario tanto più marcati quanto più vecchio è l'organismo esposto. La velocità con la quale si verificano queste contaminazioni nel tempo e quanto queste siano associate all'età è sorprendente e nessuno ancora capisce molto sui meccanismi che determinano questa condizione. Quando si invecchia si è più suscettibili all'infiammazione sistemica causata da queste microplastiche? Il nostro corpo ha minor capacità di sbarazzarsene? Le cellule rispondono diversamente a queste specifiche tossine? La scienza ha scoperto che le microplastiche si nascondono nell'intestino umano, circolano nel sangue arrivando a tutti gli organi dove si accumulano in profondità e possono anche filtrare fino alla placenta arrivando al feto di donne in dolce attesa. La loro presenza nel cervello è particolarmente preoccupante e può essere rilevata anche solo due ore dopo aver mangiato un pasto contaminato: per arrivare in questo organo le microplastiche devono passare la cosiddetta barriera emato-encefalica, quindi sono molto piccole e possono portare a seri problemi neurocognitivi compromettendo ad esempio la memoria.

Studi su animali confermano inquietanti sospetti: le microplastiche si accumulano in ogni organo del corpo, cervello compreso
No plastica, SI salute, Si ambiente
 

Secondo una ricerca di biomonitoraggio umano commissionata dall'Unione Europea e comunicata dall'Agenzia Europea per l'Ambiente, fino al 100% del campione di quasi 3.000 soggetti adulti di 11 diverse nazioni UE risulta contaminato da Bisfenolo a livelli ben sopra la soglia di tolleranza raccomandata. Il Bisfenolo è una sostanza chimica utilizzata nei contenitori e imballaggi in plastica per alimenti e bevande, dimostrata pericolosa da molte ricerche scientifiche, accettata dalle normativa entro una certa soglia di sicurezza che risulta ampiamente superata nella quasi totalità della popolazione europea. Il Bisfenolo, ingerito mentre si consuma cibo e bevande, ricalca il ciclo di assorbimento e contaminazione descritto prima per le microplastiche ed è collegato ad alterazioni ormonali, cancro al seno e infertilità, solo per citarne alcune. Mentre le agenzie nazionali discutono sulla probabile quantità giornaliera tollerabile dall'organismo, per ora solo la Francia lo ha proibito per legge.

Tabella che spiega gli effetti della plastica nel corpo
Effetti della plastica nel corpo
 

Ci siamo completamente circondati di plastica. Ci vestiamo, comunichiamo, mangiamo, beviamo, viviamo dentro di essa, e così via per un totale di 390 milioni di tonnellate di plastica prodotte solo nel 2021. Ognuna di queste abbondanti fonti rilascia questi frammenti microplastici durante tutta la loro vita utile, non solo dopo lo smaltimento; esposti a elementi come pioggia, vento e luce solare, questi minuscoli frammenti cambiano forma e struttura prima di ritrovare la strada per tornare nei corpi viventi. Se scaldiamo il contenitore di plastica, peggio se lo usiamo nel forno a microonde, se usiamo la pellicola di plastica per proteggere i cibi in frigorifero (le plastiche morbide sono le peggiori), se usiamo qualsiasi oggetto o peggio capo di abbigliamento contenente materiale plastico (e sono la maggior parte), alimentiamo involontariamente attacchi alla nostra salute e al nostro benessere planetario.

In attesa di improbabili e rigorosi provvidementi legislativi, dobbiamo comprendere che questa nostra continua esposizione in relatà non è del tutto involontaria: basta scegliere alimenti imballati in vetro, riporli in frigorifero su contenitori in vetro o ceramica, usare indumenti in fibra naturale come il cotone, e tante altre scelte semplici e vincenti a favore della nostra longevità performante, dell'ambiente che ci circonda e delle nuove generazioni.

La soluzione, una volta spiegate le motivazioni che avete appena letto, è facilissima ma, come sempre, dipende solo da noi!

BeLONGEVITY nasce per aiutare concretamente tutti a conoscere ed applicare queste straordinarie informazioni della scienza.

 
  • European Environment Agency HBM4EU. BIsphenols. HBM4EU POLICY BRIEF, 2022

  • European Environment Agency. Human exposure to Bisphenol A in Europe. 2023, DOI: 10.2800/16943

  • European Food Safety Authority. Re-evaluation of the risks to public health related to the presence of bisphenol A (BPA) in foodstuffs. EFSA Journal, 2022, DOI: 10.2903/j.efsa.2023.6857

  • Gaspar L et al. Acute Exposure to Microplastics Induced Changes in Behavior and Inflammation in Young and Old Mice. International Journal of Molecular Sciences, 2023. DOI: 10.3390/ijms241512308




93 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page