top of page

DIMAGRIMENTO? NO DIETA DRASTICA!

Coloro che vogliono iniziare a perdere peso e farlo velocemente prima magari di un grande evento o di una vacanza possono essere tentati di provare una dieta drastica. Anche se è vero che per perdere peso è necessario mangiare meno calorie di quelle che il corpo consuma ogni giorno, in realtà le diete drastiche possono effettivamente funzionare contro di te e in alcuni casi rendere addirittura più difficile la perdita di peso.

In genere queste diete comportano una drastica riduzione dell'apporto calorico a 800-1.200 calorie al giorno per alcune settimane alla volta.

I sostenitori di queste diete affermano che esse possono portare a una rapida perdita di peso e in effetti, la ricerca ha dimostrato che queste diete possono effettivamente essere molto efficaci per alcune persone.

 

In uno studio condotto su 278 adulti affetti da obesità, una dieta drastica di 12 settimane di 810 calorie al giorno ha portato a una maggiore perdita di peso dopo 12 mesi rispetto alle persone che hanno ridotto le calorie solo con il controllo delle porzioni. Il gruppo a dieta drastica ha perso in media quasi 11 chilogrammi contro i soli 3 chilogrammi del gruppo a dieta moderata.

Allo stesso modo, uno studio ha dimostrato che le diete a bassissimo contenuto calorico possono essere utili per le persone con diabete di tipo 2. I ricercatori hanno scoperto che il 60% dei partecipanti che hanno mangiato 600 calorie al giorno per otto settimane sono stati in grado di mettere in remissione il diabete di tipo 2. Hanno anche perso in media circa 15 chilogrammi.

Ma mentre queste diete possono portare ad una perdita di peso a breve termine in alcune persone, possono avere la conseguenza a lungo termine di danneggiare il metabolismo.

Questo potrebbe spiegare perché circa l'80% delle diete fallisce, con un successivo ritorno al peso pre dieta, o addirittura con un guadagno di più peso di quello che è stato perso.

Il metabolismo è la somma di tutte le reazioni chimiche del corpo ed è responsabile della conversione del cibo che mangiamo in energia e dell'immagazzinamento dell'energia in eccesso sotto forma di grasso. Il metabolismo è influenzato da molte cose, tra cui la dieta, l'esercizio fisico e gli ormoni.

Una dieta drastica in cui si consuma molto meno cibo del normale, significa per il corpo non avere bisogno di utilizzare tanta energia (calorie) per digerire e assorbire gli alimenti mangiati. Inoltre, viene anche persa massa muscolare.

Tutti questi fattori vanno ad abbassare il tasso metabolico, il che significa che il corpo brucerà meno calorie quando non si allena.


Seguire una dieta drastica per perdere peso velocemente, potrebbe avere conseguenze negative a lungo termine sul dimagrimento
Dimagrimento? No dieta drastica!

A breve termine, le diete drastiche possono portare a sensazioni di stanchezza, il che rende difficile svolgere qualsiasi attività (per non parlare di un vero e proprio allenamento). Questo perché è disponibile meno energia e quella disponibile ha la priorità per le reazioni di sostegno vitale.

A lungo termine, le diete drastiche possono cambiare la composizione ormonale del nostro corpo andando ad aumentare i nostri ormoni dello stress, come il cortisolo, facendo sì che il nostro corpo immagazzini più grasso.

Le diete drastiche possono anche ridurre i livelli dell'ormone T3, prodotto dalla ghiandola tiroidea, fondamentale per regolare il nostro metabolismo basale (il numero di calorie di cui il tuo corpo ha bisogno per sostenersi). I cambiamenti a lungo termine nei livelli di T3 possono portare a ipotiroidismo e aumento di peso.

Insieme, tutti questi cambiamenti rendono il corpo più abile a ingrassare quando si ricomincia a consumare più calorie. E questi cambiamenti possono esistere per mesi, se non anni.

Se stai cercando di perdere peso allora, la strategia migliore da utilizzare è seguire una dieta dimagrante graduale e a lungo termine.

È stato dimostrato che le diete graduali sono più sostenibili e hanno un impatto meno negativo sul tasso metabolico rispetto alle diete drastiche, andando anche a mantenere livelli di energia sufficienti per fare esercizio.

Questi tipi di dieta inoltre preservano anche la funzione dei nostri mitocondri, le centrali elettriche brucia calorie dei nostri muscoli. Questo crea una maggiore capacità di bruciare calorie anche dopo aver finito la dieta.

La dieta ideale è quella che riduce il peso corporeo di circa 0,5-1 chilogrammo a settimana. Il numero di calorie che dovrai mangiare al giorno dipenderà dal tuo peso iniziale e da quanto sei fisicamente attivo.

Mangiare determinati alimenti può anche aiutare a mantenere il metabolismo durante la dieta: i grassi e i carboidrati utilizzano meno calorie per alimentare la digestione, rispetto alle proteine. In effetti, le diete ad alto contenuto proteico aumentano il tasso metabolico dell'11-14% rispetto ai livelli normali, mentre le diete ricche di carboidrati o grassi possono farlo solo del 4-8%. Pertanto, cerca di assicurarti che circa il 30% delle calorie della tua giornata sia costituito da proteine quando cerchi di perdere peso.

Anche se si può essere tentati di seguire una dieta drastica se si sta cercando di perdere peso velocemente, potrebbe avere conseguenze a lungo termine per il metabolismo. la migliore modalità per il dimagrimento è ridurre leggermente il numero di calorie di cui hai bisogno ogni giorno, fare esercizio fisico e mangiare più proteine.

BeLONGEVITY nasce per aiutare concretamente tutti a conoscere ed applicare queste straordinarie informazioni della scienza.

 
  • Astbury et al. Doctor Referral of Overweight People to Low Energy total diet replacement Treatment (DROPLET): pragmatic randomised controlled trial. BMJ. 2018, DOI: 10.1136/bmj.k3760

  • Coutinho et al. The impact of rate of weight loss on body composition and compensatory mechanisms during weight reduction: A randomized control trial. Clin Nutr, 2018, DOI: 10.1016/j.clnu.2017.04.008

  • Crovetti R. et al. The influence of thermic effect of food on satiety. Eur J Clin Nutr, 1998, DOI: 10.1038/sj.ejcn.1600578

  • Drake MT. Hypothyroidism in Clinical Practice. Mayo Clin Proc, 2018, DOI: 10.1016/j.mayocp.2018.07.015

  • Farhana A et al. Metabolic Consequences of Weight Reduction. StatPearls, 2023, PMID: 34283511

  • Fothergill et al. Persistent metabolic adaptation 6 years after "The Biggest Loser" competition. Obesity. Silver Spring, 2016, DOI: 10.1002/oby.21538

  • Gornall et al. Short-term changes in body composition and metabolism with severe dieting and resistance exercise. Int J Sport Nutr, 1996, DOI: 10.1123/ijsn.6.3.285

  • Jackson et al. Hair cortisol and adiposity in a population-based sample of 2,527 men and women aged 54 to 87 years. Obesity. Silver Spring, 2017, DOI: 10.1002/oby.21733

  • Leanne M. et al. Effect of Calorie Restriction with or without Exercise on Body Composition and Fat Distribution. The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 2007, DOI: 10.1210/jc.2006-2184

  • Lim et al. Reversal of type 2 diabetes: normalisation of beta cell function in association with decreased pancreas and liver triacylglycerol. Diabetologia, 2011, DOI: 10.1007/s00125-011-2204-7

  • Toledo FG et al. Mitochondrial capacity in skeletal muscle is not stimulated by weight loss despite increases in insulin action and decreases in intramyocellular lipid content. Diabetes, 2008, DOI: 10.2337/db07-1429

  • Tomiyama et al. Low calorie dieting increases cortisol. Psychosom Med, 2010, DOI: 10.1097/PSY.0b013e3181d9523c

  • Wadden et al. Effects of a very low calorie diet on weight, thyroid hormones and mood. Int J Obes, 1990, PMID: 2341229

  • Westerterp K. et al. Diet induced thermogenesis measured over 24h in a respiration chamber: effect of diet composition. Int J Obes, 1999, DOI: 10.1038/sj.ijo.0800810



55 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commenti

Valutazione 0 stelle su 5.
Non ci sono ancora valutazioni

Aggiungi una valutazione
bottom of page