top of page

ACTIVITY TRACKERS: LONGEVITY FRIENDS

Se ti sei posto l’obbiettivo di essere più attivo e dinamico nella tua routine e di allenarti di più, probabilmente avrai già acquistato un tracker di attività o starai pensando di acquistarne uno come incentivo personale e per aiutarti nel monitoraggio giornaliero della tua dinamicità.

Uno dei predittori più potenti per essere attivi è infatti proprio il monitoraggio del proprio livello di attività.

 

La maggior parte delle persone può avere un’idea relativa del proprio livello di attività, ma sarà comunque impreciso e approssimativo. Una volta che le persone iniziano consapevolmente a tenere traccia di quanta attività fanno, spesso si rendono conto che è meno di quello che pensavano, e questo le motiva a diventare più attive.

Puoi auto-monitorarti senza un tracker di attività semplicemente annotando ciò che fai, ma sarà difficile tenere il passo con metodo lungo termine ed è anche molto meno preciso rispetto ai dispositivi che tracciano ogni tuo movimento 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Monitorando i passi o i minuti di attività è possibile accertare se si stanno rispettando o meno le linee guida e le raccomandazioni sulla pratica di attività fisica e monitorare gli obiettivi di attività personale, visualizzando i progressi nel tempo. Tutto questo sarebbe difficile senza un tracker di attività.

La ricerca ha dimostrato che le marche più popolari di tracker di attività sono generalmente affidabili quando si tratta di monitorare misure di base come passi e minuti di attività.


Gli activity trackers monitorano il livello di attività e i progressi personali ottenuti, stimolando ad avere uno stile di vita più attivo
Activity Trackers: Longevity Friends

Inoltre, molti tracker di attività sul mercato al giorno d'oggi tengono traccia di una serie di altre misure molto importanti nel monitoraggio della salute e della forma fisica:

  • Frequenza cardiaca a riposo: normalmente compresa tra 60 e 100 battiti al minuto, diminuirà gradualmente man mano che diventi più in forma, soprattutto se stai facendo molto esercizio ad alta intensità, andando a ridurre il rischio di morte per qualsiasi causa.

  • Frequenza cardiaca durante l'esercizio: per migliorare la forma fisica in modo efficiente è utile allenarsi tenendo la frequenza cardiaca in determinate zone; un cardiofrequenzimetro dedicato con fascia intorno al petto farà un lavoro molto migliore nel misurare la frequenza cardiaca effettiva rispetto a un tracker di attività indossato al polso.

  • Frequenza cardiaca massima: non è influenzata dalla quantità di esercizio che fai o dal tuo livello di forma fisica; è utile conoscerla per poter impostare gli allenamenti ad una determinata percentuale della propria frequenza massima, visionabile sul tracker.

  • VO₂max: i muscoli hanno bisogno di ossigeno per funzionare. Più ossigeno il tuo corpo può elaborare, più duramente puoi lavorare e quindi più sei in forma; il VO₂max è il volume di ossigeno che potremmo respirare al massimo in un minuto di tempo. È un'altra misura che si correla bene con la mortalità per tutte le cause: più è alto, minore è il rischio di morire. Il VO₂max viene solitamente misurato in laboratorio indossando una maschera che misura il consumo di ossigeno, ma i tracker di attività possono esaminarlo con stime, anche se non risultano essere sono molto accurate in quanto si basano su ipotesi; tuttavia, se il VO₂max sta gradualmente aumentando, è probabile che tu stia diventando più in forma.

Se non sei un atleta non c'è comunque una reale necessità di tenere traccia di troppe misure e acquistare tracker troppo avanzati o a costo molto alto. Per iniziare l’importante è concentrarsi sull’essere più attivi: sul numero di passi che facciamo ogni giorno o sul numero di minuti di attività che abbiamo raggiunto a fine giornata. Anche un activity tracker di base misurerà questi fattori in modo relativamente accurato.

 BeLONGEVITY nasce per aiutare concretamente tutti a conoscere ed applicare queste straordinarie informazioni della scienza.

 
  • Bent, B. et Al. Investigating sources of inaccuracy in wearable optical heart rate sensors. npj Digit. Med, 2020, DOI: 10.1038/s41746-020-0226-6

  • Fuller D. et Al. Reliability and Validity of Commercially Available Wearable Devices for Measuring Steps, Energy Expenditure, and Heart Rate: Systematic Review. JMIR Mhealth Uhealth, 2020, DOI: 10.2196/18694

  • Gorzelitz J. Et Al. Accuracy of Wearable Trackers for Measuring Moderate- to Vigorous-Intensity Physical Activity: A Systematic Review and Meta-Analysis. Journal for the Measurement of Physical Behaviour, 2024, DOI: 10.1123/jmpb.2019-0072

  • Mandsager K. et Al. Association of Cardiorespiratory Fitness With Long-term Mortality Among Adults Undergoing Exercise Treadmill Testing. JAMA Netw Open, 2018, DOI: 10.1001/jamanetworkopen.2018.3605

  • Molina Garcia P. et Al. Maximal Oxygen Consumption by Consumer Wearables: A Systematic Review with Meta-analysis and Expert Statement of the INTERLIVE Network. Sports Med, 2022, DOI: 10.1007/s40279-021-01639-y

  • Schroé H. et Al. Which behaviour change techniques are effective to promote physical activity and reduce sedentary behaviour in adults: a factorial randomized trial of an e- and m-health intervention. Int J Behav Nutr Phys, 2020, DOI: 10.1186/s12966-020-01001-x

  • Vetrovsky Tomas et Al. Benefits of physical activity interventions combining self-monitoring with other components versus self-monitoring alone: a systematic review and meta-analysis. The Lancet, 2021, DOI: 10.1016/S0140-6736(21)02630-1



Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page